MINDFULNESS

La Mindfulness è una pratica di consapevolezza, un allenamento graduale e costante a essere presenti qui e ora. Come? Riportando la mente al respiro e al corpo.
Mindfulness è vivere prestando attenzione ai pensieri, alle emozioni, alle sensazioni corporee, senza esserne sopraffatti, senza critica e senza giudizio. Questo genera pace e quiete, ci àncora al tempo presente, ci restituisce fiducia nelle nostre capacità, ci avvicina agli altri e ci dona benessere.

Anche gli studi clinici concordano: la Mindfulness agisce efficacemente sull’ansia e sulla depressione, aiuta a gestire il dolore cronico, migliora la memoria e la concentrazione, accresce la resistenza fisica e mentale.
La Mindfulness è ben/essere puro, un fattore importante di prevenzione e di cura, una via maestra per la propria crescita personale.

MINDFULNESS PER L’ANSIA
Andiamo in ansia ed entriamo nel panico quando un pensiero spaventoso non ci lascia più e si autoalimenta. Per interrompere il circolo vizioso si può portare l’attenzione sul respiro, sul qui e ora. Imparare la Mindfulness e praticare tutti i giorni spegnerà via via la costante sensazione di panico e di allerta.

MINDFULNESS PER LA DEPRESSIONE
Ci sentiamo persi, niente ha più senso, a volte vorremmo solo restare a letto. Quando la mente si riconnette al corpo e alle sue sensazioni, il cervello rilascia endorfine. Questo genera pace e benessere. Più si pratica, più si avvertono i cambiamenti. Nutrire la mente attraverso il respiro, imparare a “sentirsi” di nuovo, aiuta a far pace col passato e vivere il presente con fiducia.

MINDFULNESS PER L’IPERATTIVITÀ (ADHD)
I più recenti studi (tra cui quelli del National Institute for Health -NIH) promuovono l’utilizzo della Mindfulness Based Cognitive Therapy (MBCT) per gestire i picchi emozionali stabilizzando il tono dell’umore, autoregolare i picchi attentivi, contenere l’ansia e lo stress, limitare l’impulsività.

MINDFULNESS PER L’INSONNIA
Se il nostro sonno è compromesso in assenza di causa apparente, forse ci portiamo a letto ansie e preoccupazioni. In tal caso, la pratica regolare della Mindfulness aiuta a sciogliere le tensioni nel corpo e nella mente. È un allenamento graduale al “lasciar andare” in opposizione al controproducente “sforzarsi di dormire”.

MINDFUL EATING
Se il cibo non è più piacere ma ossessione, se il cibo non è più nutrimento ma dipendenza, riappropriarsi dell’esperienza dei 5 sensi e delle sensazioni corporee legate al cibo, accogliere tutte le emozioni come legittime emozioni può interrompere il comportamento patologico.

Se vuoi saperne di più o vuoi prenotare una consulenza, scrivimi a pecorara@gmail.com o chiama al 333 7606146

Ph: Massimo Bonventre